I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per informazioni leggi la Cookie Policy
 > Notizie > Trixie news
03.05.2022
Emergenza in Ucraina: un aiuto concreto per gli animali in cerca di salvezza
Le immagini che in queste ultime settimane vengono diffuse dai nostri mezzi di informazione ritraggono donne, anziani e bambini in fuga dalla drammatica situazione che sta coinvolgendo l'Ucraina. Tra di loro anche molti animali domestici.

Emergenza in Ucraina: un aiuto concreto per gli animali in cerca di salvezza

Le immagini che in queste ultime settimane vengono diffuse dai nostri mezzi di informazione ritraggono donne, anziani e bambini in fuga dalla drammatica situazione che sta coinvolgendo l’Ucraina. Tra queste affiorano anche molte immagini di animali domestici costretti a scappare dal paese con le loro famiglie umane.

Sono molte le associazioni e i volontari che stanno fornendo il loro aiuto per garantire sostegno, cibo e medicinali agli animali da compagnia che si spostano con i rifugiati e per quelli che, invece, sono rimasti nel loro territorio, non potendo essere evacuati.

L’obiettivo è quello di mantenere unite quante più famiglie possibili e di aiutare a ricongiungersi con i propri animali coloro che, nella fuga, sono stati costretti a lasciarli in Ucraina. Cani e gatti rappresentano infatti un affetto importantissimo per le persone che stanno già perdendo tutto a causa della guerra.

Trixie, insieme ad Emporio di Noè SRL, ha contribuito a regalare alcune pettorine per gatti a Save the Dogs and other Animals Onlus, un’associazione che dal 2002, attraverso progetti alternativi di gestione del randagismo, cerca di cambiare il destino di tutti quegli animali destinati ad essere soppressi nei canili pubblici.

Dall’inizio del conflitto ucraino Save the Dogs opera in prima linea per garantire rifornimenti e assistenza a cani e gatti che stanno lottando per la loro salvezza, allestendo punti di supporto in Romania per le persone in fuga con i loro animali e organizzando spedizioni regolari di cibo, ciotole e coperte verso quattro rifugi nella zona di Odessa.