I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per informazioni leggi la Cookie Policy
 > Notizie > Trixie news
17.10.2016
Alla ricerca di Dory: andate a vederla al cinema ma non mettetela nel vostro acquario!
Il sequel del classico di animazione “Alla ricerca di Nemo” è in arrivo al cinema con il titolo “Alla ricerca di Dory”. Gli attivisti per il benessere degli animali temono per la sopravvivenza del pesce chirurgo.

Il pesce chirurgo blu non è adatto all’acquario domestico!

Conosciuta meglio come Dory, parla il balenese, è blu e terribilmente smemorata. Il divertentissimo pesce chirurgo del film d’animazione “Alla ricerca di Nemo” arriva ora al cinema in un sequel dal titolo: “Alla ricerca di Dory”.

C’è però un lato negativo: come temono gli attivisti per il benessere degli animali, la richiesta del pesce chirurgo potrebbe aumentare enormemente, proprio com’è successo 13 anni fa con il pesce pagliaccio Nemo. Questo fenomeno potrebbe portare a conseguenze catastrofiche per i pesci della barriera corallina.

La casa di questi pesci tropicali blu è infatti l’oceano Pacifico. Possono vivere solo negli acquari ad acqua salata che, non solo sono molto più costosi di quelli ad acqua dolce ma richiedono anche molte più cure e attenzioni. Di sicuro non sono adatti ai principianti in materia di acquari.

Come il 90% dei pesci d’acqua salata, inoltre, questi pesci non si possono allevare poiché la loro riproduzione è complessa, anche nell’oceano. Questa specie di pesci viene catturata nel loro ambiente naturale e poi venduta. Il metodo per catturarli consiste nell’utilizzare il cianuro di potassio, un veleno molto potente, con lo scopo di stordire i pesci. Purtroppo, in molti casi, la dose di veleno è talmente alta da uccidere molti altri abitanti della barriera corallina, a volte persino tutti, pesce chirurgo incluso.

I genitori dovrebbero quindi informarsi e spiegare ai loro figli che Nemo, Dory e i loro amici non sono adatti a stare nell’acquario di casa. Solo così possiamo essere sicuri che ci sia per questi pesci un lieto fine, non solo al cinema.