I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per informazioni leggi la Cookie Policy
 > Pet-World > Buono a sapersi
L'olfatto dei pesci: un senso vitale
Le percezioni olfattive e gustative dei pesci sono molto sviluppate e di vitale importanza.

La comunicazione sott'acqua

La vita sott'acqua richiede ai suoi abitanti organi sensoriali molto sviluppati. Una recente ricerca ha dimostrato come le percezioni olfattive e gustative dei pesci siano estremamente sensibili. Ciò serve ai pesci non soltanto a nuotare ma anche a comunicare tra loro.

"Il bulbo olfattivo dei pesci si trova esattamente dietro alle narici, attraverso le quali fluisce e defluisce l'acqua", spiega il dr. Gabriele Gerlach, professore di Biodiversità ed Evoluzione Animale dell'Università di Oldenburg (Germania). "L'apparato olfattivo è composto da più di un milione di terminazioni nervose per centimetro quadrato. Grazie a queste, i pesci possono fiutare gli odori che si propagano nell'acqua anche se sono molto flebili".
 
Questo sviluppato senso dell'olfatto torna loro utile in diversi modi: "Fornisce, per esempio, informazioni sull'ambiente circostante

I pesci, inoltre, comunicano attraverso la produzione di urina, attraverso il suo odore. Grazie all’odorato, i pesci maschi possono avvertire distintamente se nei paraggi si aggira una femmina disponibile all'accoppiamento. In questo caso, i pesci maschi rilasciano dell’urina per attirare l’attenzione e per proporsi come potenziali partner. Attraverso l'olfatto, i pesci riconoscono anche i membri della propria famiglia. Ciò aiuta i giovani pesci a stare con le loro famiglie e ai pesci sessualmente maturi a non accoppiarsi con i propri famigliari.

Il senso del gusto è altrettanto sensibile e sviluppato. "Le percezioni gustative non derivano soltanto dalla bocca" dice il dr. Gerlach. "Il pesce gatto, ad esempio, ha papille gustative non solo sui barbigli ma anche su tutto il corpo." Altri pesci avvertono il gusto attraverso papille poste sulle loro pinne. Come nel caso dell'olfatto, il senso del gusto permette loro di avvertire anche le benché minime concentrazioni di molecole presenti nell'acqua. I pesci sentono perciò la presenza di cibo da molto distante e accorrono quasi alla cieca nella giusta direzione.


Fonte: IVH (German Industrial Association for Pet Supplies)